Lettera ad un amico

Personaggio strano, per questi tempi, Roberto Gianinetti; sia nei modi che nei suoi lavori artistici non risulta mai invadente.  Forse i suoi libri d’artista e le sue incisioni potranno risultare  “prepotenti”, ma di quella prepotenza che ti costringe, ti obbliga a controllare ogni dettaglio: dal taglio della sgorbia usata all’inserimento del colore, dalla costruzione del manufatto (mai lasciato al caso) alla scelta del testo. Il suo modo di operare mi è piaciuto fin da subito e subito abbiamo lagato.

Sono un collezionista di libri d’artista, libri di Gianinetti così come di tanti altri artisti e nonostante la nostra amicizia non si possa certo definire di lunga data mi ha chiesto di scrivere due righe su di lui. Ne sono onorato e non aggiungo altro; solo caro Roberto ti ringrazio per i bellissimi volumi che hai costruito con le tue sgorbie e i bulini, con i tuoi caratteri mobili, nella confusione del tuo laboratorio, con il torchio e la pressa, con i tuoi colori sempre accuratamente scelti in funzione della matrice che a volte “deve” (così mi insegni) essere inchiostrata al gelo dell’inverno perchè altrimenti il lavoro non rende, con lettere e testi, sempre ponderati e accuratamente selezionati ma, soprattutto, grazie per la passione e l’intelligenza che inserisci in ogni tua opera d’arte.

Marco Carminati

Quaderno di Guerra

quaderno di guerra - libro d'artista
Libro d’artista composto da venti pagine, eseguito per la mostra “150 anni di unità d’Italia”, Archivio di Stato di Novara, curatore Vittorio Tonon, liberamente ispirato al manoscritto “Diario di guerra” del caporale G. Marchesotti, fornitomi da Dr. Franco Machieraldo “Archivio della Memoria”, Vigliano Biellese (BI)

 



2011 – Novara, Archivio di stato;
2012 – Vercelli, Chiesa di San Bernardino.

incisioni: xilografie, linoleografie, rilievografie, stampa a torchio manuale