Point & Line to Plane


autore: Roberto Gianinetti
Titolo: “Point & Line to Plane” – Tribute to V. Kandinskij
xilografia a più matrici, 50 x 70 cm, 2018


il lavoro costituisce un tributo ad alcune figure della “cultura” russa che mi hanno accompagnato durante la vita. In questo caso: Kandinskij, Mendeleev, Adamov e Tarkovskij, i quali, ciascuno secondo alcuni mie sensazioni, ha dato un contributo all’opera. Mendeleev, con la sua tavola periodica, mi ha permesso di configurare i miei “elementi” xilografici secondo un’organizzazione spaziale; Adamov per un’idea di “scena teatrale dell’assurdo”, Tarkovskij per il suo film “Nostalghia” che mi porta al paradosso di un mio viaggio in Russia per poi tornare in Italia, a Vercelli e alla Cattedrale di S. Andrea. Kandinskij mi accompagna mediante i suoi “punti e linee”.

the work is a tribute to some figures of Russian “culture” who accompanied me during my life. In this case: Kandinskij, Mendeleev, Adamov and Tarkovskij; each of them, according to my feelings, made a contribution to the work. Mendeleev, because his periodic table, allowed me to configure my xylographic “elements” according to a spatial organization; Adamov for an idea of ​​”absurd theater scene”, Tarkovsky for his film “Nostalghia” which brings me to the paradox of a trip to Russia and then a return to Italy, Vercelli and St. Andrew Church. Kandinsky accompanies me through his “points and lines”.

Il lavoro è stato esposto nel 2018 a Mosca, Salle de l’Union des Artistes Russes, personale, curatori Olga Ulemnova e Aleksandr Artamonov;
nel 2019 a Vercelli, Sala degli Strumenti Musicali, San Pietro Martire, per “Magna Charta”, incisioni – Printmaking Vercelli e Graphcom Kazan.


The work was exhibited in 2018 in Moscow, Salle de l’Union des Artistes Russes, solo exhibition, curators Olga Ulemnova and Aleksandr Artamonov;
in 2019 in Vercelli, Hall of Musical Instruments, San Pietro Martire, for “Magna Carta”, collective of engravings – Printmaking Vercelli and Graphcom Kazan.
Intergraphica e personale alla “Salle de l’Union des Artistes Russes”, Mosca
curatori Olga Ulemnova e Aleksandr Artamonov
a San Pietro Martire, inaugurazione

“De Rossanensis – Decodex 2019” -Rossano

Roberto Gianinetti

“De Rossanensis – Decodex 2019”

libro d’artista, xilografie e rilievografie, stampa a torchio manuale, ed. 4, formato aperto: 50 x 100 cm

VEDERE PAROLE – “Codex Il Sacro nell’arte”                      omaggio al Codex Purpureus Rossanensis

Complesso Monumentale San Bernardino – Rossano Centro storico – 21 settembre – 20 ottobre 2019

 

codex . comunic st.

indice descrittivo per Codex Ross 2019

“De Rossanensis – Decodex 2019”, formato aperto, lato interno

“De Rossanensis – Decodex 2019”, formato aperto, lato esterno

“De Rossanensis – Decodex 2019”

“De Rossanensis – Decodex 2019”

Indice descrittivo

pag. 1: dal Vangelo di Luca, tema dell’Annunciazione                  “scrittura floreale” (ditelo con i fiori); il Giglio;                          crittografia: AVE PIENA DI GRAZIA                                                      formato: 50 x 40 cm                                                                                                    pag. 2: dal Vangelo di Marco, tema … la rete in mare,  moltiplicazione, alfabeto onciale,                                                      prealfabeto “a righe/aste”, tastiera;                                                                  pag. 3: dal Vangelo di Matteo, tema … il mare di Galilea,                    salita al monte, pesci, lettere xilografiche, ecc.                                          pag. 4: dal Vangelo di Giovanni, tema …                                                              in principio era il Verbo, il deserto, alfabeto con timbri e xilografie  aletta A: due volvelle, sul recto; superiore: Matteo; inferiore: Marco  aletta B: due volvelle, sul verso; superiore: Luca; inferiore: Giovanni

Volvella di Matteo, dettaglio

“Luna, lunae” – xilografie

R. Gianinetti “Canale irriguo”, xilografie, rilievografie, 78×108 cm, 2019

Luna, lunae … A maggio ho iniziato un mio percorso creativo sulla Luna; da un semplice lavoro su una matrice xilografica … fino ad oggi: un continuo interesse ad esplorare, non ancora esaurito. 

L’inizio, come accade molto spesso nella mia vita, è frutto di una coincidenza: mentre partecipavo ad un talk show televisivo a Ravenna, Paola Lagorio, direttrice del Museo Bendandi di Faenza mi ha chiesto di esporre una matrice xilografica per: “Terra chiama luna – 1969/2019” mostra collettiva da lei organizzata e curata a Palazzo Esposizioni di Faenza.  Clic per: pieghevole

Sono arrivati, per ora,: “A Love Supreme”, matrice e due pagine di un libro d’artista, 78x 108 cm ciascuna; “Apostrophe”, “Luna, lunae di maggio”, “Lunar Orchestra” Long Playing; “Canale Irriguo”, 78×108 cm e altri lavori non ancora terminati.

Il 20 luglio 1969 camminavo, inconsapevole, per le strade di Rapallo, quando da una finestra ho sentito una voce emozionata che raccontava cosa stava capitando. Oggi mi ricordo.

R. Gianinetti “Apostrophe”, xilografie, rilievografie, 2019

“Lunar Orchestra”, Long Playing – lato interno della cover, 2019

“Lunar Orchestra”, xilografie, rilievografie, timbri, 2019

Palazzo Esposizioni di Faenza, “Terra chiama Luna – 1969-2019”, curatrice Paola Lagorio, direttrice del Museo Bendandi

R. Gianinetti – Matrice xilografica e Libro d’artista

R. Gianinetti “Luna, lunae di Maggio”, xilografie, rilievografie, formato cartolina, 2019

“Lunar Orchestra”, Long playing-Cover, xilografie, rilievografie, timbri, 2019

 

“Lunar Orchestra” LP, pagina 4

incisioni: xilografie, linoleografie, rilievografie, stampa a torchio manuale